Knock on wood 
lunedý, 30 giugno, 2008, 19:26
Inizio con una fregatura: dovevo cambiare una banconota da 5 dollari per avere gli spiccioli dell'autobus (ci sono le macchinette che non danno resto). Entro in un negozietto in prossimita' della fermata e la tipa mi dice che magari potevo comperare qualcosa se volevo cambiare. Dovendomi togliere il problema dai maroni, le ho comperato una mela. Butti di veleno: me l'ha fatta pagare 1 dollaro!!! Solo dopo ho realizzato il furto!!! L'animaccia sua!

Qui i semafori, cioe' i pali con le lampade, sono montati dopo l'incrocio, non prima come da noi.

Sono in un ostello nel centro di Vancouver, si chiama Hostelling International Central Vancouver; vecchio, ma cercano di tenerlo bene... d'accordo che e' in centro, ma sempre vecchio rimane...

L'altro ieri ho parlato con un tizio per strada che aveva un motorino elettrico (qui sono abbastanza diffusi, sebbene abbiano il petrolio. Vuol dire che da noi i politici ci mangiano come porci, sulle importazioni di petrolio). Ho scoperto il significato della frase "knock on wood", e' la stessa identica cosa del nostro "tocco ferro". Ebbe' per forza, qui hanno tanto legname, noi abbiamo tante miniere di ferro.

L'IVA si divide in due parti: la tassa governativa del 5%, e la tassa povinciale del 7%, totale 12%. Da noi e' al 20%. Qualche anno fa andai in Svizzera, dove l'IVA dell'Hotel era al 3.75%. Insomma, piu' l'IVA e' bassa, piu' il paese e' ricco. Anzi, piu' sono basse le tasse e piu' il paese e' ricco. Fallo capire agli italiani...

Il tizio di prima mi ha detto che in Downtown (il centro di Vancouver) i prezzi sono alti e non c'e' la giojosita' che invece troverei a Gastown, per cui stasera andro' li' a vedere. Dice che la gente e' molto piu' gioviale di Downtown. In effetti i Vancouveriti sono cortesi, educati, si, ma non cosi' espansivi... il tizio dice che a Calgary e' tutta un'altra gente: dice che se urti qualcuno per strada finisci per farci amicizia. Vedro' quando saro' li'.

Le donne qui hanno tutte delle gran tette; certo, ci sono le eccezioni, pero' la regola generale e' che le tette ci sono e fatte bene.

Finalmente ho assaggiato il famoso burro di arachidi che tanto si sente nei film, nei cartoni animati e nei fumetti: in pratica sono delle arachidi fatte in pasta, stesso sapore e stesso colore. Tutto qui.

Ieri sono stato a Stanley Park, un parco a 20 minuti di passeggiata da Downtown. E' sconvolgente come in poco tempo si passi da un fitto di grattacieli ad un posto selvaggio in cui si possono trovare anche procioni e coyote. Il parco e' enorme, circa come un intero colle bolognese. Molti lo girano in bici che affittano, pero' con la bici non si puo' andare in zone molto interne dove piu' selvaggia e' la natura. Magari si parcheggia la bici e poi si continua a piedi. Sono perfino andato su un trenino in cui ci vanno i bambini: come tutte queste cose, ne approfittano maggiormente gli adulti.

Quando arrivero' a casa mettero' in rete le foto di Stanley Park, come pure tutte le altre.

Ieri pomeriggio sono stato anche al Capilano Suspension Bridge. E' un posto molto rilassante, eravamo immersi nel bosco e si godeva di una natura che ti fa passare tutti i problemi e le fisime. In conclusione del giro c'e' stato il concerto di un trio per il vancouver international jazz festival, a cui ho assistito sdraiato su delle rocce vicino a una ruota di un mulino ad acqua. Aaaahhhhh.... che relax!!!

Alla fine della giornata sono passato da una chiesa anglicana perche' c'era una funzione religiosa con i canti gregoriani, ma sono stato solo un quarto d'ora perche' ero massacrato dalla giornata sempre in piedi e in cammino e mi si chiudevano gli occhi da soli.

Avevo i piedi che andavano in fumo. Il problema e' che avevo i sandali (che pure sono ottimi) ma senza calzini. Per carita', per una passeggiata di qualche ora vanno benone, ma tutta una giornata necessita di un paio di calzini fra il piede e il sandalo.

Per adesso va bene cosi'.


Vancouver 
sabato, 28 giugno, 2008, 04:43
Sono arrivato stremato ma con la felicita' di un ciappinaro al Brico senter.

Terra Canadese.... Vancouver....
in pochi mesi ho realizzato ben due sogni della mia vita: a marzo la laurea in fisica (anzi, in Fisica, rispetto per favore), e ora il Canada. Meraviglioso.
Era cosi' semplice.... bastava lasciarmi fare.


VANCOUVER

Per strada c'e' una tale mescolanza di razze che non riesci a capire se e' perche' ci sono solo turisti o gli abitanti sono di ogni razza.
Ho teste' finito di ludrare della carnazza (tenera come una panna) in un lounge del centro (anzi, adesso devo fare il ganzo: Downtown). Anche nella downtown di Vancouver l'acqua e' nelle caraffe; mi sembra giusto, visto che non l'avevo chiesta minerale. Ho preso anche un cheescake: una mattonella di burro che supera perfino i biscotti scozzesi.

Fino a domenica c'e' il Vancouver International Jazz Festival, che offre diverse iniziative in giro per la citta'.
In queste ultime tre sere fanno dei concerti al Capilano Suspension Bridge ma stasera sono stravolto: ci pensero' domani. Anche perche' qui sono le 19:40, mentre in Italia sono le 4:40 del mattino, e io sono arrivato fin qui da ieri tamattina, quando la sveglia *in Italia* ha suonato alle 5.
Ho un po' di jet lag..... ma soprattutto rincoglionimento

Bene, vi saluto con il riassunto di questa prima puntata: sto godendo come un topo nel gruviera.

A bientot.


Le mani 
sabato, 28 giugno, 2008, 04:26
---------------------
Adolescente, una sedicente chiromante mi ha letto la mano.
Mi predisse che avrei avuto una vita lunga, che nella mia vita ci sarebbero state solo 2 donne importanti e che non avrei mai fatto un viaggio che mi avrebbe portato troppo lontano.

Sto scrivendo da Vancouver.
Dopo un volo di 9:30 da Londra a Vancouver, con un fuso orario sfasato di 9 ore da casa mia, si puo' considerare a ragione un viaggio di lunga distanza?
No, perche' se questo non e' un viaggio di lunga distanza allora mi incaLLo, perche' stare 9 ore e mezzo su un aereo e' da spararsi nei girolimoni!
---------------------
Chiudo la parentesi con un consiglio: quando trovate un/a chiromante o simil-ciarlatano, le mani, parcheggiategliele in faccia. Con vigore!